Keralpen, domani sfida al vertice. Vianello: “Pordenone forte, ma siamo pronti”

Tre punti che valgono la vetta: sono quelli in palio nel big match di domani tra Pordenone e Keralpen, in serie C femminile. Le friulane, ancora imbattute, guidano con un punto di vantaggio sulla squadra di Vianello (che proprio all’andata subì l’unica sconfitta in campionato). Alle spalle delle bellunesi, e pronta ad approfittare di un eventuale passo falso delle bellunesi, c’è il Bassano: un campionato che vede queste tre, almeno fin qui, nettamente superiori rispetto al resto del lotto, se si considera che hanno vinto tutte le gare perdendo punti solamente negli sconti diretti.
Paride Vianello, mister del Keralpen, ci parla della gara di domani…e non solo
Domenica sarà una gara molto importante per le ragazze del Keralpen che in settimana si stanno preparando al meglio per non trovarsi impreparate. Il Pordenone è una squadra molto forte in tutti i suoi reparti visto che sono scese la stagione scorsa dalla serie A e per problemi economici non hanno potuto iscriversi alla serie B. Ci sono ragazze di categoria superiore in tutti i suoi reparti. Sicuramente noi non lasceremo nulla al caso avendo studiato la gara di andata persa purtroppo al 95′ dopo aver condotto in vantaggio per 2-1 fino a 10′ dalla fine. Ci faremo trovare sicuramente pronti , poi il pallone è rotondo e tutto può succedere . (Il bello del calcio che nulla è scontato finché non si gioca)
La sfida di domenica potrebbe risultare decisiva? Una sconfitta potrebbe rivelarsi determinante, così come una vittoria, visto anche che le tre formazioni davanti fin qui han perso punti solo negli scontri diretti?
Non sarà decisiva per il campionato ancora lungo ma sicuramente darà morale chi ne uscirà vincenti in questa gara. Noi dobbiamo giocare subito i due scontri diretti quindi uscire indenni e perdere pochi punti potrebbe dare una forte scossa per la vittoria finale alle le ragazze del Keralpen.
Dicevamo, Pordenone ancora imbattuto: all’andata perdeste la gara negli ultimi minuti: la squadra friulana è la più forte che abbiate incontrato? Come si può battere? Ha davvero qualcosa più delle altre? 
Secondo me la squadra da temere è il Bassano che nel girone di andata, pur se abbiamo vinto 4-3 in casa loro, si sono dimostrate molto competitive su tutti i fronti. E’ una squadra di enorme carattere.  Tornando al Pordenone sappiamo che sono superiori a questa categoria ma abbiamo notato anche dei punti deboli e sicuramente proveremo ad approfittarne .
Cosa farà la differenza nella gara di domenica e, più in generale, cosà sarà quella cosa in più che permetterà ad una formazione, piuttosto che ad un’altra, di festeggiare la promozione a fine anno?
La gara di domenica, visto l’equilibrio tecnico in campo ,decreterà vincente chi avrà i nervi più saldi e agonismo alle stelle. È una gara in cui ogni piccolo errore potrebbe essere fatale per entrambe le squadre. Sicuramente i nostro punti forti ed i loro verranno tenuti con maggiore prudenza.
C’è un aspetto della gara di domenica che ti spaventa? Temi le ragazze possano sentire troppo l’importanza della gara?
Le ragazze sicuramente sentono molto questa gara, in effetti già durante le partite di coppa si parlava molto di questa partita. Loro sanno che è una gara importantissima e per questo stanno cercando di aumentare i ritmi per trovarsi pronte a quella che noi abbiamo intitolato “la terza guerra mondiale 😃“. Di sicuro le mie ragazze si faranno trovare pronte a rispondere colpo su colpo.
Keralpen, Pordenone e Bassano si giocano la Promozione: gli unici punti persi sono stati negli scontri diretti, come dicevamo prima; è un campionato così squilibrato?
Il campionato di quest anno penso abbia già decretato le tre forze (Pordenone,Keralpen,Bassano) che hanno dimostrato di essere superiori a questa categoria . Purtroppo ne sale solo una (meriterebbero tutte e tre). Le altre squadre si sono dimostrate non al livello delle prime anche se però bisogna ricordare che nei gironi di ritorno di solito si perdono sempre punti con le squadre di bassa classifica , quindi testa in campo è sempre concentrate .

Siete una macchina da gol, partendo dal bomber Sommariva: ad inizio anno incassavate forse qualche gol di troppo: è uno degli aspetti sui quali avete lavorato maggiormente?
Ad inizio anno abbiamo iniziato tutti da zero visto il cambio che c è stato nella panchina . Il modulo da me proposto è stato leggermente modificato a livello difensivo visto che in questa categoria non ci sono la terna arbitrale e quindi i fuorigioco vengono segnalati con poca frequenza. Durante le partite iniziali di coppa ci è servito capire in cosa modificare la difesa. Preciso inoltre che stiamo giocando un campionato senza portiere con la giocatrice Paganin Alessia nostra attaccante che si rende disponibile in porta nelle gare più delicate e la giovane giocatrice Zanella Arianna di ruolo portiere ma che ha bisogno ancora di molta esperienza se pur già brava ma di giovanissima età . Quindi è normale che qualche goal in più ha influito anche per questa assenza molto importate che come ben sappiamo il portiere in alcune partite e il 60% della squadra e da sicurezza al reparto difensivo . Per quanto riguarda l aspetto offensivo devo premiare tutte da centrocampo in su perché se ben vero che abbiamo il bomber Sandra che non perdona ed attuale capocannoniere a 23 reti, tutte le ragazze sono un forte supporto per permettergli tutto ciò

Quale si sta rivelando il punto di forza della tua squadra?
Il nostro punto forte è sicuramente è il gruppo. Un gruppo saldo, motivato, con stimoli per provare a fare il salto di categoria tanto desiderato in queste ultime stagioni . Ho trovato un gruppo molto bello e con tanta voglia di imparare, sempre attento ad ogni minimo dettaglio.
Preciso che mai come nelle ultime stagioni quest’anno stiamo affrontando un campionato con ben mezza squadra di età primavera in campo anche da titolari, ragazze di 14/15/16 anni che dimostrano di ben figurare in questo campionato
In settimana si è aggiunta al gruppo una nuova atleta, l’attaccante Cristina Verona: nelle scorse stagioni ha militato in serie C con S. Donà, Passarella, Spinea e Salese.verona
Una ragazza che stiamo recuperando da un lungo STOP e sicuramente appena entrerà in forma sarà un aiuto alla squadra .
Cristina Verona nelle precedenti stagioni è stata anche capocannoniere della serie C femminile nella stagione che il Real Spinea allenata da me ha vinto il campionato ed era stata promossa in serie A2 (attuale serie B ) . Cristina in quella stagione aveva segnato ben 32 goal . Sempre presente anche nelle rappresentative venete finché ha avuto L età .
Quindi speriamo sia una marcia in più per la squadra che ha accolto nel migliore dei modi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi