Canottieri, la cronaca della vittoria contro il Trento

Canottieri BL – Trento 8-2

BELLUNO: Zampieri, Brancher, Melame, Savi, Reolon, Orsi, Dal Farra, Boso, De Battista, Nessenzia, Mati Florez, Del Prete. All.: Alessio Bortolini

TRENTO: Simeone, Qela, Coratella, Iancu, Corradini, Hamzallari, Fontanari, Scaduto, Frisenna, Viera, Lamattina, Zanardello. All: Tony Salinas

ARBITRI: Genoni di Busto Arsizio, Di Micco di Frattamaggiore. Crono Volpato di Castelfranco Veneto

RETI: PT 0.45 Brancher (CB), 1.36 Brancher (CB), 4.34 Boso (CB), 6.53 Brancher (CB); ST 4.08 Mati Florez (CB), 5.10 Iancu (T), 8.38 Dal Farra (CB), 12.10 Brancher (CB), 12.44 Iancu (T), 19.07 Melame (CB)

NOTE: Ammoniti Orsi, Brancher (CB), Frisenna, Lamattina (T).

Il match dagli esiti potenzialmente esiziali con il Trento s’impugna subito dalla parte del manico per i BortoliniBoys: dopo sette minuti il tabellone della Spes luccica di un 4 a 0 che piega il Trento, pur giunto in destra Piave con le migliori intenzioni. Nella ripresa i trentini troveranno un po’ di spazio, nel primo tempo faticheranno a imbastire gioco. Anche perché, come detto, nel giro di poco la Canottieri voga al largo: Brancher è un’iradiddio, ci vorrebbero i carri armati per fermarlo, il primo tiro arriva in gabbia deviato da Corradini, intorno al minuto e mezzo ribadisce dalla distanza  in fondo al sacco la respinta di Simeone.  Al terzo sta per fare tris il numero due biancoblù: Zampieri col piedone ha appena sventato su Coratella, ripartenza imperiosa con dribbling e conclusione fuori di poco. Mati Florez per Brancher, siamo al quarto, para Simeone, il terzo gol finisce che lo fa Boso che spinge dentro dal secondo palo l’invito dalla destra di capitan Reolon. Zampieri operativo su Hamzallari pochi secondi prima del poker Canottieri: e sono applausi a scena aperta per Brancher, che raccoglie il lancio customizzato di Reolon e lo scaglia di volo rabbioso alle spalle di Simeone. Reazione Trento: all’ottavo il colpo di testa di Iancu, il più in palla dei suoi, costringe al volo Zampieri, Orsi quattro secondi dopo mette fuori di spalle la girata di Iancu su punizione. Tredicesimo: dall’angolo Reolon-Savi-Reolon, palla bella per Mati deviata all’ultimo. Ancora Savi, Simeone in uscita dice che basterebbe così. Sul finire di tempo cala un po’ l’intensità dei padroni di casa, il Trento non ne approfitta, c’è una bella botta dalla distanza di Frisenna e un anticipo in uscita alta di Simeone su Reolon lanciato con poesia da Savi. Ripresa: quattro minuti di sostanziale equilibrio prima che Mati Florez finalizzi il triangolo con  Orsi, Iancu mette un sigillo al suo match segnando l’uno a cinque con una conclusione dalla distanza. Dal Farra, minuto otto, mancino velenoso che Simeone tira via dall’incrocio, dall’angolo Dal Farra stavolta non manca l’appuntamento con il gol. Spazio in cronaca per Nessenzia con doppia occasione intorno al decimo e per qualche buon minuto di De Battista,  Del Prete ( avvicendato nella ripresa a Zampieri) pronto sul solito Iancu all’undicesimo, Brancher confeziona il suo poker finalizzando la punizione battuta furba da Florez e Iancu la sua doppietta al dodicesimo. Sui titoli di coda staffilata di Boso dalla destra e Melame che cerca e trova il suo sigillo, dopo un tentativo al diciottesimo, insaccando sull’ultimo giro di lancetta l’irresistibile discesa in fascia destra di Mati. Vittoria, e larga, nella convinzione più ancora che nel risultato, per i Canottieri di Bortolini: se la salvezza c’è e può esserci, passa senz’altro per partite giocate così.

Dal sito della Canottieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi